Bologna, 15 Aprile 2021, on. Alessandra BASSO, Lega: UTERO IN AFFITTO E’ PRATICA ABERRANTE DI MERCIFICAZIONE DELL’UOMO. NO A OGNI TENTATIVO DI LEGALIZZAZIONE.

Bologna, 15 Aprile 2021, on. Alessandra BASSO, Lega: UTERO IN AFFITTO E’ PRATICA ABERRANTE DI MERCIFICAZIONE DELL’UOMO. NO A OGNI TENTATIVO DI LEGALIZZAZIONE.

“Prendo atto del fatto che sia stato depositata in Parlamento una proposta di legge per la legalizzazione dell’utero in affitto. Chi l’ha elaborata ha avuto cura di dare un nome amorevole a questa pratica aberrante, chiamandola ‘gravidanza solidale’. In effetti ‘reificazione di esseri umani’ suonava male”, afferma Alessandra BASSO, eurodeputata della LEGA.

“Mi duole constatare come, nonostante sia da un anno che ci troviamo in una difficilissima crisi economica, sociale e sanitaria, con diverse categorie produttive che sono allo stremo e milioni di nuovi poveri che necessitano di essere aiutati, ci sia ancora chi ha come priorità proposte di legge come la legalizzazione dell’utero in affitto – in alcuni casi comodato d’uso gratuito, per i più precisi – o il ddl Zan. La priorità per l’Italia e per gli italiani, che vogliono tornare a vivere e lavorare, non può essere una proposta di legge divisiva e ideologica che ha l’obiettivo di rendere legale lo scambio di esseri umani, come fossero oggetti, e la reificazione della donna. Mi auguro che questa proposta, così come il ddl Zan, venga rimandata alla prossima legislatura. Lo scopo di questo governo e di questo Parlamento, infatti, prima di tornare a votare, deve essere solo ed esclusivamente l’uscita da questa crisi e il rilancio del nostro paese, per il bene di tutti”, conclude l’on. Basso, della LEGA di Bologna.

Rispondi